FIDAS News Luglio/Agosto 2018

L’EDITORIALE

 

L’emergenza sangue comincia a farsi sentire in modo sempre più forte in questi ultimi giorni.

In tutta la Regione, infatti, le scorte di sangue presenti nei centri trasfusionali degli ospedali vanno riducendosi, mettendo a rischio il soddisfacimento del fabbisogno dei tanti malati di talassemia e leucemia, i quali rischiano di vedere negato il loro farmaco-salvavita.

Analogo discorso vale per gli interventi di emergenza per i quali purtroppo non è possibile prevedere alcun rinvio, tanto che il facente funzioni di Direttore del Servizio Trasfusionale del “Vito Fazzi”, dottor Nicola Di Renzo, sta adottando molteplici iniziative volte alla sensibilizzazione verso la donazione di sangue.

Tra queste, in particolare, merita di essere segnalata quella intitolata “Donazione Interforze 2108”, promossa dalla Scuola di Cavalleria di Lecce e che vede la partecipazione, oltre che dell’Esercito, di tutte le forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, della Dia di Lecce, della Capitaneria di Porto di Gallipoli, dell’aeronautica Militare e della Prefettura del Capoluogo.

L’Ufficio Comunicazione della ASL di Lecce, inoltre, ha allestito in Piazza Libertini uno stand informativo per distribuire materiale propagandistico oltre ad aver fatto andare in onda di continuo uno spot di 15 secondi per sensibilizzare alla donazione del sangue nel corso del grande evento “Battiti Live”.

Non sono mancati gli appelli ad andare a donare tanto da parte delle Istituzioni politiche quanto da parte di tutte le Associazioni e Federazioni operanti sul territorio regionale.

Un forte richiamo alla necessità di andare a donare è arrivato anche dalla Regione Puglia, la quale ha istituito la campagna di comu­nicazione e sensibilizzazione «Dona EMOzioni», con l’obiettivo di diffondere e promuovere la cultura della donazio­ne di sangue tra tutti i cittadini pu­gliesi ed in particolare tra i più gio­vani, attraverso 6 tappe itineranti (Polignano, Taranto, Bari, San Severo, San Foca di Melendugno, Mesagne) che si svolgeranno tra luglio e settembre.

L’emergenza sangue di questo periodo mette in evidenza la necessità di incrementare il numero di donazioni effettuate, potendo così garantire, in modo continuativo, la necessaria scorta di sangue in tutte le strutture ospedaliere.

A noi responsabili associativi spetta, poi, il compito di potenziare quanto più possibile l’opera di sensibilizzazione, in particolar modo di quei donatori che da più tempo non compiono questo importantissimo gesto.

Noi dirigenti associativi, quindi, dobbiamo assumerci la responsabilità di gestire al meglio questo periodo assolutamente non facile. Non possiamo sempre stare a lamentarci delle carenze strutturali del sistema trasfusionale. Dobbiamo piuttosto chiederci: nonostante le mille carenze e difficoltà, diamo veramente il 100% di noi stessi per non far mancare il nostro contributo?

Basterebbe che tutti i donatori di Fidas Leccese effettuassero anche solo una donazione in questo periodo per garantire un’abbondante scorta di emazie in tutta la Provincia.

Allora impegniamoci concretamente a non far mancare il nostro contributo e sicuramente questa emergenza evaporerà “come neve al sole”.

Buon lavoro a tutti e, soprattutto, Buone Donazioni!

 

 

Emanuele Gatto