FIDAS NEWS Maggio 2020

Ancora una volta i Donatori di Sangue salentini stanno dimostrando il loro grande cuore, garantendo la necessaria terapia trasfusionale a tutti i pazienti che ne hanno bisogno.

In un momento terribilmente critico, che possiamo definire ai limiti del surreale, i nostri donatori con coraggio e determinazione hanno accolto gli innumerevoli inviti alla donazione.

Come ho già avuto modo di evidenziare, non era facile, né scontato che ciò avvenisse anche e soprattutto considerata la riorganizzazione della rete trasfusionale salentina a seguito della chiusura completa dell’ospedale di Copertino, incluso il suo Servizio Trasfusionale.

In questa fase di emergenza globale molte persone hanno ancora paura di donare il sangue, ma per fortuna è prevalso il buon senso dei nostri donatori, i quali hanno tornati a compiere il loro gesto d’amore con ancora più convinzione.

È, però, necessario avere ben presente che l’emergenza non è assolutamente passata, anzi! Nei gironi scorsi, infatti, è stata avviata la delicatissima fase della “riapertura”, con diversi reparti ospedalieri che hanno ripreso la loro attività. Quello che ne deriva è, quindi, un incremento del fabbisogno di emazie da trasfondere ora più che mai è richiesto l’impegno di tutti i donatori.

Questa pandemia ha cambiato in modo radicale la nostra vita di tutti giorni, in termini di attività e di relazioni interpersonali, ma ha sconvolto anche il nostro modo di donare, con l’introduzione della prenotazione per evitare gli assembramenti. Inoltre, Il ministero della Salute riconosce ai donatori la possibilità di andare a donare, in quanto la donazione di sangue ed emocomponenti può essere considerata inclusa tra le “situazioni di necessità”.

Tanti, quindi, sono stati i cambiamenti avvenuti in questo periodo delicatissimo della storia dell’intera umanità, che si rifletteranno sui mesi a venire.

Il mio augurio è che, una volta che tutto sarà finito, rimanga impresso in ognuno di noi il grande spirito di solidarietà, di condivisione e di fratellanza che ha segnato in modo speciale la nostra quotidianità, continuando con sempre nuova dedizione nell’impegno al servizio dei malati.

Sono sicuro che #andràtuttobene.

Il Presidente
Emanuele Gatto